(IN) Netweek

PAVIA

Pericolo tubercolosi, ma l’incidenza é bassa

Share

L’arrivo di un consistente numero di immigrati, con il problema dei controlli sanitari relativi e connessi, ha portato a un aumento dei casi di tubercolosi conclamata. I dati, emersi nel corso del convegno della Società italiana di pneumologia, sono esclusivamente numerici e tecnici (senza sfumature di opinione né politici dunque) ma parlano chiaro: nel decennio 2004-2014 in Italia ci sono stati 5.000 malati di Tbc in più; fra questi, 2.500 sono stranieri. I più a rischio sono gli immigrati dall’Africa e spesso la malattia si manifesta anche mesi e mesi dopo l’arrivo.

Particolari le condizioni invece riscontrate in un «ceppo» della malattia radicata in Medio Oriente, dove l’infezione è pericolosa perché resistente alle cure normalmente utilizzate. Il presidente dell’associazione professor Francesco Blasi ha invitato comunque a evitare allarmismi: il tasso di incidenza è comunque fermo a 7 casi ogni 100mila abitanti.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 10 Marzo 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.