(IN) Netweek

TORINO

Spagna-Italia: siamo indietro Nei confronti con gli iberici dobbiamo migliorare

Share

Torino (bgf) In vista di sabato 3 giugno a tutti i tifosi bianconeri sarà tornata in mente quella serata di Amsterdam del 1998. Sì, perché Juve-Real è già stata l’ultimo atto di una Champions e ad alzare la coppa al cielo fu la formazione spagnola, vincendo 1-0 grazie ad un fulmineo gol di Predrag Mijatovic. Ma questa è un’altra storia, ora c’è da pensare a Cardiff. Il bilancio non è positivo per le formazioni italiane: su sette precedenti totali a trionfare sono stati ben cinque volte gli iberici, contro le due affermazioni italiane.

Il confronto ha preso il via nel 1957 e guarda caso c’era il Real Madrid, contro un’avversaria a sorpresa, ossia la Fiorentina: 2-0 firmato Di Stefano e Gento, sogni viola infranti. L’anno seguente è ancora Real Madrid, ma questa volta c’è il Milan: il risultato finale non cambia però, 3-2 dopo i supplementari. Nel 1964 il Real Madrid cede il passo: a vincere la Coppa dalle grandi orecchie è l’Inter (3-1) di Helenio Herrera. Buco di 28 anni, quindi Spagna-Italia torna di moda nel 1992 con Sampdoria-Barcellona: una «sassata» di Koeman sigilla lo 0-1 ai supplementari. Due anni dopo è tripudio rossonero: il Milan di Savicevic e Massaro schianta 4-0 il Barcellona guidato da Cruyff. Il capitolo numero sei è quello già citato tra Real Madrid e Juventus del 1998, mentre il numero sette è storia recente. Due anni fa a Berlino la Juventus di Allegri cede 3-1, disputando comunque una grande partita, contro il Barcellona del trio atomico Messi-Suarez-Neymar.

Per l’incontro di Cardiff è opportuno considerare anche che sarà il 19esimo confronto tra Juventus e Real Madrid in Champions League - Coppa dei Campioni: il bilancio in questo caso è di assoluta parità, con otto successi a testa per madrileni e bianconeri, e due pareggi. L’ultimo precedente risale alle semifinali della stagione 2014-2015: 2-1 all’andata (a Torino) per i bianconeri, 1-1 al ritorno del Bernabeu e Juventus che approda in finale. Curiosità: due dei gol bianconeri (uno per partita) sono stati siglati da Alvaro Morata, ora in forza al Real. I bianconeri non perdono da tre partite contro il Real: l’ultima sconfitta riguarda la Champions 2013-2014. Il Ko di Madrid, firmato da due gol di Cristiano Ronaldo, è l’unica sconfitta torinese nelle ultime sette sfide dirette. L’ultima attenzione non può che essere rivolta proprio a CR7: il fuoriclasse lusitano ha segnato quattro volte su quattro contro la Juventus, scrivendo il proprio nome tra i marcatori in ben cinque occasioni.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:bgf

Pubblicato il: 02 Giugno 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.