(IN) Netweek

BIELLA

La «carovana rosa» è pronta a passare L’anno scorso primeggiò Nibali, quest’anno è favorito il colombiano Quintana, ma occhio a Kruijswik e Mollema

Share

(bgf) Torna il Giro d’Italia, la corsa ciclistica più importante dell’anno che coinvolge l’intera nazione e tiene incollati gli appassionati alla tivù. E’ iniziato il 5 maggio per finire il 28: in mezzo, 3.572 chilometri di fatica, sforzi e sudore, salite e volate, discese mozzafiato e conti con cronometro, minuti, secondi, trionfi e lacrime. Anche di gioia, quelle che verserà volentieri il vincitore della corsa rosa sul traguardo di Milano dopo la crono (da cuore in gola) partita da Monza. Ma chi vincerà? Eh... Bella domanda! Come sempre quando si segue una competizione sportiva di altissimo livello com’è il Giro d’Italia è d’obbligo un’occhiata alle quote dei bookmakers: quali corridori vengono considerati favoriti per la vittoria finale? I due leader del settore scommesse, ovvero Snai e Matchpoint, sono concordi sul nome da pronosticare come vincitore dell'edizione numero 100: entrambi alla partenza consigliavano di puntare su Nairo Quintana. Il colombiano era dato a 2.00: vuol dire che puntando 10 euro su di lui se ne possono vincere 20. Una quota piuttosto bassa, è vero, ma che lascia presupporre una certa sicurezza nell’investimento: a meno di particolari eventi (cadute, imprevisti, inattese performance dei rivali) dovrebbe essere proprio Quintana a primeggiare sul podio di Milano. Anche perché il piccolo scalatore della Movistar ha già ufficializzato che quest’anno vuole puntare alla mitica (ma difficilissima) “doppietta” Giro-Tour. E quindi: se non vince il Giro come può realizzare la combo? Tutta la stagione preparatoria è stata dunque studiata per arrivare al top sia alla corsa italiana sia a quella francese. Ecco perché, almeno in questa prima delle due corse a tappe, Quintana darà il massimo e anche di più: se non vince il Giro fallisce già in partenza il suo programma annuale. Dopo di lui, invece, i pronostici sono più... opinabili: diciamo che secondo dovrebbe arrivare Vincenzo Nibali (@7.00) e terzo Steven Kruijswik (@8.50). Per chi cerca il “colpaccio” però queste quote sono ancora poco allettanti: i veri intenditori che seguono nei minimi dettagli le prestazioni anche dei ciclisti meno di grido consigliano di osare su un atleta che potrebbe stupire tutti, ossia l’olandese Bauke Mollema della Trek-Segafredo.

La squadra ha grandi ambizioni e si presenta come top-team sia al Giro sia al Tour de France (dove ha arruolato nientemeno che il grande Alberto Contador). Mollema va forte sia in salita sia nelle tappe lunghe da passisti ed era quotato @20: un moltiplicatore molto alto per una sorpresa che potrebbe riempire le tasche degli scommettitori più... incoscienti.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:bgf

Pubblicato il: 12 Maggio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.