(IN) Netweek

PAVIA

PaviArt, 60 gallerie in mostra l’8 e il 9 aprile Da Gino Severini a Giorgio de Chirico, passando per i maestri del novecento come Sironi e Guttuso

Share

Nell’anno di maggiore celebrazione culturale di Pavia longobarda, tra innumerevoli iniziative, mostre ed eventi d’arte che animano la città, non poteva mancare la fiera d’arte moderna e contemporanea che da ormai un lustro è appuntamento fisso per appassionati e collezionisti del settore.

Sotto la direzione artistica di Giovanni Zucca e l’organizzazione della Dea Servizi, la kermesse pavese concentra le sue azioni nell’attenzione e cura dei suoi principali interlocutori ed espositori.

Sono 60 le gallerie che hanno scelto anche quest’anno PaviArt per consolidare e tessere nuove relazioni con collezionisti, critici, giornalisti e appassionati.

Tra le più prestigiose e rinomate provenienti da tutta Italia (…e non solo) ci saranno: Punto sull’Arte, Labs Gallery, AICA, Centro Steccata, Galleria Spazia, Galleria Lara e Rino Costa, Colossi Arte Contemporanea, Galleria Cinquantasei, Bonioni Arte, BeB Arte, Allegrini, Santerasmo, Engema Arte, Casati Arte Contemporanea, Percapita, Proposte d'Arte, Eidos, Polimnia, Soave Arte, E3 Arte Contemporanea, ecc...

Da Gino Severini a Giorgio de Chirico, passando per i maestri del Novecento come Sironi e Guttuso, fino ai protagonisti degli anni 60 e 70 come Mario Schifano, Getulio Alviani, Alighiero Boetti, Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Giuseppe Uncini, Alberto Biasi, PaviArt rafforza il dialogo tra moderno e contemporaneo intrapreso fin dalla sua prima edizione.

Confermata anche l’area dedicata alle nuove proposte per dar visibilità ad artisti emergenti accuratamente selezionati dall’associazione culturale Biancoscuro.

Una particolare opera arricchirà quest’anno la manifestazione: presso lo stand della Galleria Centro Steccata l’artista italo/greco Aris Marakis presenterà un’installazione scultorea vasofona, risultato dell’unione tra scultura e suono. Alcune opere dell’artista sono state esposte all’Accademia di belle Arti di Brera e alla WE Gallery di Berlino e questo weekend di aprile i visitatori di PaviArt potranno provare in prima persona l’ebrezza di riprodurre il suono ancestrale dello zufolo con l’opera «Autoritratto vasocefalo».

Due giornate intense durante le quali il Palazzo Esposizioni si trasforma in una grande galleria collettiva, occasione di incontri e opportunità, pronta ad accogliere i suoi visitatori in un perfetto equilibrio tra passione e qualità.

Direttore Artistico:

Giovanni Zucca

Orari:

8-9 aprile dalle 10 alle 20

Ingresso:

intero 8 euro – 4 euro ridotto

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 07 Aprile 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.