(IN) Netweek

PAVIA

Il nuovo Dario Argento abita in provincia Intervista esclusiva con il regista 33enne poco conosciuto in Italia ma sempre più apprezzato in Usa

Share

Marco Rosson, 33 anni, di Voghera nutre da sempre una grande passione per il cinema. Dopo gli studi, alle Scuole Civiche del Cinema di Milano, ha subito cominciato a bazzicare il set: «I caffè che ho portato ai registi non si contano - ricorda - d’altronde si comincia così. Ho trascorso un anno in Endemol e quindi ho lavorato come assistente alla regia per case come Catleya, Colorado e Alto Verbano», insomma una gavetta iniziata dal gradino più basso e che continua ancora oggi. «Dopo otto anni ho deciso di gettarmi personalmente nella mischia come regista. Il mio primo film s’intitolava “New Order” e ha per protagonista Franco Nero, persona meravigliosa e attore straordinario; “Shanda’s” è il secondo lungometraggio. Ora avrei già in mente un terzo soggetto per completare una vera e propria trilogia horror, ma sto cercando un produttore che mi finanzi».

Si riesce a vivere di solo cinema quando non si è ancora sfondato sui palcoscenici importanti? «Sì, ma è difficilissimo - racconta - Oltretutto per chi è sul mercato come indipendente la gavetta sembra non finire mai. Fortunatamente al lavoro di regista affianco quello di film maker che, insieme ad altre attività, mi permette di andare avanti».

E mentre la gavetta in Italia continua, i suoi film riscuotono applausi Oltreoceano: la vita è bella perché è strana!

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:bgf

Pubblicato il: 13 Ottobre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.