(IN) Netweek

SAN MARTINO SICCOMARIO

Pietro Sarubbi é «Giuseppe il Misericordioso» Il lavoro dell’artigiano come luogo in cui si realizza la dignità  dell'uomo e del padre di famiglia

Share

Sabato 22 Aprile, alle ore 21, presso il Teatro M. Mastroianni di San Martino Siccomario, andrà in scena lo spettacolo «Giuseppe il Misericordioso», scritto e interpretato dall’attore Pietro Sarubbi, noto per aver interpretato Barabba nel magistrale film The Passion con la regia di Mel Gibson.

Scegliendo la figura di San Giuseppe, l’attore vuole testimoniare e condividere la bellezza del lavoro come luogo in cui si realizza la dignità dell'uomo, del padre di famiglia. E’ bello pensare che Dio sceglie un artigiano, un lavoratore, per affidargli la crescita del Figlio, perchè diventi il Custode del Redentore. E Dio si affida a Giuseppe, perché quell'artigiano è un esempio di sacrificio, di docilità, di capacità di mettersi al servizio.

E’ lo stesso attore che racconta come la figura di San Giuseppe sia stata per lui di grande aiuto, dopo un incontro «per caso» con un testo sulla sua vita, ma nulla è a caso ed ogni cosa che accade è per me, ci ricorda l’attore. E questo testo diventa un aiuto davanti alla miseria umana che si trova a fare i conti con le difficoltà dell’essere padre, dell’essere marito e dell’essere un lavoratore onesto, con la certezza che valga la pena vivere ed essere venuto al mondo solo se si riesce a vivere nel Cammino del Signore.

Durante lo spettacolo emerge in modo evidente come San Giuseppe sia la più bella figura d'uomo concepibile che il Cristianesimo abbia realizzato. Un uomo come tutti gli altri, un lavoratore impegnato nel dovere quotidiano, un uomo forte nella fede che mandò avanti la sua famiglia - Gesù e Maria - e custodì la purezza della Vergine, che era sua Sposa, e rispettò - amò! - la libertà di Dio, che non solo scelse la Vergine come Madre, ma scelse anche lui come Sposo della Madonna. Da Giuseppe il cristiano impara che cosa significa essere di Dio ed essere pienamente inserito tra gli uomini, santificando il mondo.

L’invito che lo spettacolo lascia è quello di frequentare Giuseppe per incontrare Gesù; di frequentare Giuseppe per incontrare Maria; di frequentare Giuseppe per riempire la propria vita di fede, amore e speranza, i cardini che lo hanno c ostantemente aiutato durante la sua vita.

Lo spettacolo nasce anche con il desiderio di raccogliere fondi per Fondazione AVSI, ONG nata nel 1972, che realizza progetti di cooperazione allo sviluppo e, in particolare, per sostenere i progetti umanitari che questa organizzazione sta realizzando in quelle parti del mondo martoriate dalla guerra e dalla povertà: per questo motivo le offerte che verranno raccolte saranno completamente devolute per i progetti attivi in Siria.

I biglietti si possono prenotare, indicando un nominativo e il numero di posti richiesti, all’indirizzo mail: sangiuseppe.pv@gmail.com

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 14 Aprile 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.