(IN) Netweek

PAVIA

Povertà tra illusioni e proposte concrete Solo il recupero di efficienza garantisce sviluppo e solidarietà. Il 6,3% delle famiglie italiane vive in stato di indigenza assoluta

Share

Ufficialmente l’incidenza di povertà assoluta nell’anno 2016 per le famiglie è pari al 6,3%; per gli individui l’incidenza è al 7,9%.

Tale dato aumenta al 26,8% (rispetto al 18,3% del 2015) tra le famiglie con 3 o più figli minori e aumenta pure tra i minori portandosi al 12,5% rispetto al 10,9% del 2015 (in valore assoluto 1.292.000 nel 2016). Se poi allarghiamo le spettro alla povertà relativa cioè del rischio che da una situazione di dignitosità si passi ad uno stato inferiore, troviamo, sempre a stime 2016, che vi siano in Italia 8.465.000 individui in questa condizione (14% dell’intera popolazione). Di questi 2.297.500 sono minori. Basterebbero queste cifre per affermare che l’emergenza vera di questo Paese è la povertà che poi genera esclusione sociale e disuguaglianza. Non certo quelle priorità affrontate da questo Governo , ad es. in materia dei c.d. diritti civili, rincorrendo le richieste a volte isteriche di minoranze già ampiamente tutelate o rincorrendo riforme costituzionali dall’acidulo sapore oligarchico. Tacendo d’altro, un elemento è progressivamente di sicuro allarme e cioè che mentre l’indice di povertà per le persone anziane rimane stabile, aumenta quello per le famiglie con figli minori e per i giovani. I bambini che vivono in famiglie disagiate avranno certamente meno possibilità ed opportunità di altri. Questa è la deriva di un Paese che non dando prospettive ai suoi giovani sta costruendo per se stesso un futuro di incertezza e di maggiore povertà. Che fare? A mio avviso la situazione è stata così compromessa negli anni da offrire un quadro e una gamma di proposte tanto semplici da individuare quanto difficili da realizzare senza una precisa e determinata volontà. Possiamo partire dalla considerazione che il nostro è certamente un grande Paese. Nel primo semestre di quest’anno raggiungiamo record nei volumi delle esportazioni in tanti e importanti settori. Si è appena conclusa una stagione turistica che ci ha visto leader a livello internazionale attestandosi in Europa nelle primissime posizioni quanto a presenze ed introiti. Tre esempi per tutti: la Regione Lombardia da sola ha realizzato un valore di export nell’anno 2016 pari a 112 miliardi di euro, pari all’intera Svezia. Nel contempo dal comune di Roma, in piena continuità rispetto alle amministrazioni precedenti, arrivano incessanti e ossessive richieste di finanziamenti statali, vale a dire sulla fiscalità generale. In Sicilia poi la paralisi dei tanti vincoli, molti dei quali inutili, fanno rimanere al palo importanti progetti per miliardi di euro, nel settore delle reti ad alta tensione, delle opere stradali, della depurazione e del turismo. Allora pare che il vero contrasto alla povertà non possa essere perseguito mettendo a disposizione qualche risorsa (da ultimo 1miliardo e settecento milioni di euro per il reddito di inclusione) per una platea di persone senza precisa definizione come nell’ultimo provvedimento dove si prevede che possano accedere italiani, cittadini comunitari ed extracomunitari residenti in Italia da almeno due anni (più o meno tutti) in base al reddito e al numero dei figli, privilegiando in questo modo chi lavora in nero e non presenta redditi di sorta. Il contrasto pare debba passare da un recupero di efficienza del sistema , dal corretto utilizzo delle risorse, dal recupero di produttività e di certezze anche sotto l’aspetto giuridico e fiscale. Il contrasto passa assecondando la professionalità, la capacità e l’ingegno italiano con decisioni politiche che sappiano leggere le cause di tanto disagio e che evitando palliativi di facciata, incidano profondamente ridando coraggio ad una realtà economica, sociale, imprenditoriale che ancora vuole credere in questo Paese perché ritiene che sia il proprio Paese.

Avv. Maurizio Niutta

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 15 Settembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.