(IN) Netweek

PAVIA

Poca pioggia, la siccità  incombe La neve in montagna scarseggia, ma la speranza che nell’ultimo scorcio d’inverno il tempo cambi é ancora viva

Share

Nonostante le piogge dei giorni scorsi la siccità non molla la presa tanto in Lombardia, come in provincia. Per questo in Regione si è svolto martedì 21 febbraio un tavolo straordinario per fare il punto sulla situazione.

«I dati riguardanti le riserve idriche lombarde parlano chiaro - ha detto l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Viviana Beccalossi - il 2016 è stato l'anno più caldo degli ultimi 130 e in questo momento, la disponibilità di acqua, sommando quella contenuta nei laghi al manto nevoso è del -51,4% rispetto alla media del decennio. Pur non raggiungendo i livelli del 2007, anno 'record' per criticità, è necessario tenere costantemente monitorata la situazione e coordinare tutti i soggetti che a vario titolo gestiscono le riserve e gli utilizzatori, primi fra tutti gli agricoltori. L'auspicio di tutti è che il meteo ci dia una mano, ma se ciò non accadesse, fin dal prossimo incontro - che avremo entro la metà di marzo - sarà necessario coinvolgere il Ministero dell'Ambiente, attraverso l'Autorità di Bacino, per tutte le valutazioni del caso soprattutto per ciò che riguarda l'eventuale regolazione straordinaria dei laghi».

Al Tavolo regionale per il monitoraggio delle riserve idriche, presieduto dall’assessore, hanno partecipato i rappresentanti delle Province, delle Organizzazioni professionali agricole, dei Consorzi di bonifica e irrigazione e gli operatori delle società energetiche.

«Pur potendo ancora contare sulla parte finale dell'inverno - ha continuato Viviana Beccalossi - la scarsità di piogge e soprattutto la mancanza di nevicate in montagna sta impedendo l'accumulo di acqua nei bacini naturali e artificiali.

Le nevicate che nei giorni scorsi hanno interessato parte delle nostre montagne sono state da subito 'annullate' dalle alte temperature, impedendo di compensare, almeno in parte, il deficit di accumulo nevoso. Pertanto, è necessario fare tutti insieme il punto della situazione».

Secondo i dati aggiornati a ieri, il lago Maggiore presenta un livello di riempimento del 35% rispetto al volume invasabile fissato dalla regola, con tendenza a diminuire. Quello di Como del 7,6 % (anch'esso con tendenza a diminuire), quello d'Iseo del 13,6% (stabile), Idro al 14%, mentre la situazione meno critica appare quella del Garda, del 74,4% (stabile) rispetto al volume invasabile. Lo scarso innevamento presente sulle montagne è quantificabile in un -61,5% rispetto alla media del decennio, pur rimanendo più alto del 33,5% rispetto al 2007.

«Nelle prossime settimane - ha concluso l'assessore - continueremo a monitorare la situazione e, soprattutto, terremo aperto il dialogo con tutti.

Sarà fondamentale operare a stretto contatto con la Provincia Autonoma di Trento per i rilasci dei derivatori di monte, anche a seguito della sottoscrizione della convenzione fra le due Giunte. Altrettanto importante l'attività che dovrà svolgere il Consorzio di regolazione sia del lago Maggiore con la Svizzera sia del lago di Garda con i trentini e i veneti».

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 24 Febbraio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.