(IN) Netweek

PAVIA

Il Pertusati al lavoro contro l’Alzheimer In ASP tutta la filiera dei servizi è impegnata per trasformare in realtà il principio della presa in carico della persona

Share

Qualcuno l’ha definita l’epidemia del terzo millennio. Addirittura si è tenuto un G7 che ha previsto il fallimento del mondo occidentale progredito ove non si riuscisse a contrastare questa patologia. Gli scienziati hanno fissato al 2025 la data per giungere alla sconfitta di ciò che nel 1907 lo scienziato tedesco enucleò come causa del deterioramento delle funzioni cognitive.

Intanto presso l’aula didattica dell’IDR S. Margherita si è tenuto il convegno nell’occasione della XXIV Giornata Mondiale dell’Alzheimer per fare il punto sui progressi, sulle conoscenze, sulla possibilità di gestione, di controllo ed in particolare della diagnosi precoce. E’ stato anche il momento dei saluti al prof. Giovanni Ricevuti che dopo una brillante carriera di clinico e Professore universitario è stato, nel momento del suo congedo, unanimemente riconosciuto come una grande risorsa del mondo sanitario pavese e non solo. L’apertura al Presidente Dionigi, alla presenza pure dei Consiglieri Montanari e Salvadeo. Poi gli interventi del dottor Cuzzoni che ha parlato del numero degli affetti da demenza che raddoppieranno nei prossimi 20 anni portandosi già nel 2030 a quasi 75 milioni nel mondo e di questi ben oltre un milione in Italia (circa 160 mila in Regione Lombardia). Il prof. Ricevuti ha auspicato, poi, che la scienza riesca nel suo obiettivo di trovare un farmaco efficace, mentre il dottor Mazzacane ha parlato delle modalità di intervento riabilitativo. La prof.ssa Rondanelli si è soffermata sulla relazione tra gli stili di vita, la malnutrizione e rischio di sviluppo dell’Alzheimer anche perché è provato che il colesterolo è sempre più coinvolto in questa patologia. Il Dr Rollone ha dedicato uno sguardo sugli strumenti tecnologici di nuovo utilizzo e sull’obiettivo di arrivare ad un fascicolo sanitario elettronico. La Dr.ssa Decorato ha parlato del suo libro di ricette dedicato alla mamma ammalata ed il cui ricavato è poi indirizzato a beneficio del Nucleo Alzheimer dell’ASP. Ha chiuso il Direttore Generale dell’Asp, Avv. Niutta che ha voluto ricordare l’impegno dell’Ente che fin dal 1995 si è cimentato nella cura e nella ricerca su tale flagello. Ha rilevato come all’interno di ASP tutta la filiera dei servizi si è andata a formare realizzando in anticipo e di fatto il principio della presa in carico della persona affetta da tale patologia. Reparto presso l’IDR, Nucleo alla RSA Pertusati, Ambulatorio di valutazione per la diagnosi precoce, Centro Diurno Integrato, Piani di informazione e formazione dedicati agli operatori e famigliari dei malati, Progetto Fiori d’Autunno per rendere umana e utile solidarietà anche alle famiglie, Centro di didattica e ricerca clinica con la sezione universitaria. In conclusione l’Amministrazione ha provveduto alla premiazione dei dipendenti con 25 anni di anzianità di servizio, ringraziandoli con parole di elogio per ciascuno sostenendo che se un lavoro così faticoso viene reso quotidianamente è solo grazie a loro. I premiati sono: Maria Grazia Bagarotti, Daniela Finotti e Luciano Prederi in servizio presso la RSA Pertusati, Concetta Calvo, Giovanni Calza, Paola Collini, William Cremaschi, Cristina Falbo, Rita Marinoni, Silvia Negri, Saturnina Pinna, Laura Prestini, Angelina Rambaldini in servizio presso l’IDR S. Margherita e Albano Donato degli Uffici Centrali dell’ASP.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 13 Ottobre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.