(IN) Netweek

PAVIA

Anche a Pavia e Varzi protagoniste della «Giornata FAI d’Autunno»

Share

Si avvicina la Giornata Fai d’Autunno, in calendario per domenica 15 ottobre.

Soffermare l’attenzione sulla piazza che attraversiamo per andare al lavoro o conoscere come vivevano i proprietari dell’elegante villa che scorgiamo dal balcone di casa. Sono modi diversi di scoprire la città in cui si abita. Giornata FAI d’Autunno, realizzata dai Gruppi FAI Giovani si svolge a sostegno della campagna di raccolta fondi «Ricordiamoci di salvare l’Italia», attiva dal 1° al 31 ottobre.

Per l’occasione 3.500 volontari accompagneranno gli italiani alla scoperta di 600 luoghi inaccessibili o poco valorizzati, legati da una tematica comune - la musica, l’acqua, le tradizioni artigiane locali, il panorama urbano dall’alto, gli spazi dedicati all’amore sacro e a quello profano… – e raccontati da una prospettiva insolita.

Circa 170 itinerari tematici in altrettante città connetteranno, come un fil rouge da seguire liberamente, l’apertura di palazzi, chiese, castelli, parchi, teatri, architetture industriali in trasformazione, ma anche interi quartieri e borghi. All’accesso di ogni bene sarà richiesto un contributo facoltativo, preferibilmente da 2 a 5 euro, a sostegno dell’attività della Fondazione. Per gli iscritti FAI e per chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento – a questi ultimi sarà dedicata eccezionalmente la quota agevolata di 29 euro anziché 39 - saranno riservate aperture straordinarie, accessi prioritari, attività ed eventi speciali in molte città. La quota agevolata varrà anche per chi si iscriverà per la prima volta tramite il sito www.fondoambiente.it durante tutto il mese di ottobre.

Ma ecco cosa visitare a Pavia e dintorni in occasione della speciale giornata.

Segreti e approfondimenti dell'istituto di Anatomia del Policlinico San Matteo

Istituto di Anatomia Umana Policlinico San Matteo

Il complesso del Policlinico, realizzato nelle sue forme definitive nel 1925 dagli ingegneri del genio civile pavese Giuseppe Mariani e Leonardo Sala, risponde ai principi tardo ottocenteschi dell’edilizia sanitaria, fondati sulle riflessioni medico sanitarie dell’infermiera inglese Florence Nightingale. La cittadella scientifica viene completata dai padiglioni destinati alla propedeutica medica terminati intorno alla metà degli anni Trenta, fra i quali spicca l’Istituto di Anatomia Umana Normale. L’Istituto rappresenta uno degli esempi migliori della cultura universitaria scientifica dell’epoca. Biblioteca e Museo, con la raccolta dei testi di Antonio Scarpa e i reperti musealizzati, testimoniano l’evoluzione della disciplina nel corso del Novecento cui l’università di Pavia ha dato contributi fondamentali. Luogo ad accesso limitato ai docenti e studenti di medicina del Policlinico San Matteo

Un percorso tra stradine

e viuzze di Varzi (PV)

che permette di scoprire, tra i colori dei balconi fioriti e il profumo del caratteristico salume, un borgo che mantiene vive le sue tradizioni e le sue origini medievali. Tra i beni che si potranno visitare:

Castello Malaspina a Cella di Varzi (nella foto) Castello medievale di proprietà della famiglia Malaspina, che ricevette l'investitura dal Barbarossa in persona nel 1164.

Vari rimaneggiamenti nei secoli hanno portato all'aggiunta di altri edifici: uno nel XIII secolo e uno nel XV, che ancora mostra l'antico stemma di famiglia. Il corpo più recente ha facciata settecentesca recante una meridiana. Attualmente il castello è di proprietà del Conte Odetti di Marcorengo.

Torre Malaspina Voluta dai Malaspina ed edificata nei secoli XII e XIII, la torre rimase alla famiglia sino alla seconda metà del secolo XV. Sin dalla sua origine la sua funzione fu di avvistamento e di comunicazione tra il borgo di Varzi e Oramala.

Per secoli fu utilizzata come prigione, e uno dei suoi momenti più bui fu durante l'Inquisizione: nel 1460 vi furono rinchiuse decine di donne e uomini che, accusati di stregoneria, furono bruciati sulla pubblica piazza.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 06 Ottobre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.