(IN) Netweek

PAVIA

Alla scoperta della Pavia Longobarda La visita alle cripte e un ricco programma di attività collaterali come contributo del Comune alle Giornate del Patrimonio

Share

Sabato 23 e domenica 24 settembre (e per tutto il periodo della mostra sui Longobardi) è possibile rivivere la storia e gli antichi splendori dell’antico popolo che scelse Pavia come capitale, visitando - liberamente e gratuitamente - le cripte di Sant'Eusebio, San Felice e San Giovanni Domnarum.

«Come contributo del Comune di Pavia alle Giornate del Patrimonio - dichiara Giacomo Galazzo, assessore alla Cultura - ci è sembrato naturale sottolineare l'itinerario nelle cripte collegato alla grande mostra sui Longobardi insieme a un ricco programma di attività collaterali. In realtà è un’iniziativa che prosegue anche nei prossimi week-end, ma ci sembra un'evidente sottolineatura del fatto che l'anno culturale longobardo sta contribuendo a una vera riscoperta in città di luoghi preziosi come questi». Gli orari di apertura delle cripte sono:

S. Eusebio (p.zza Leonardo da Vinci): sabato e domenica dalle 11 alle 17.

S. Felice (via San Felice): domenica dalle 14 alle 18.

S. Giovanni Domnarum (via Mascheroni): sabato e domenica dalle 15 alle 17.

Le Giornate Europee del Patrimonio (GEP) sono una manifestazione promossa dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee. Si tratta di un’occasione di straordinaria importanza per riaffermare il ruolo centrale della cultura nelle dinamiche della società italiana.

SABATO 23 ORE 10.30

GUNDEPERGA E LA CHIESA DI SAN GIOVANNI DOMNARUM

Gundeperga, figlia di Agilulfo e Teodolinda fece costruire a Pavia una basilica in onore del beato Giovanni Battista, decorandola mirabilmente d'oro, d'argento, di tendaggi e arricchendola senza misura di ogni cosa necessaria. Visita guidata alla scoperta di suggestivi luoghi della città di Pavia - cripte, antichi monasteri, chiese, strade - legati alla memoria di donne longobarde. Ingresso libero. Ritrovo in piazza del Carmine, Pavia

SABATO 23 ORE 16

ADELCHI TORNA A VIVERE A PAVIA

Il figlio di Desiderio, l'ultimo re dei Longobardi, è protagonista all'interno del Castello Visconteo attraverso la voce e i movimenti di attori e docenti universitari. È il primo di quattro appuntamenti, realizzati nell'ambito di CULT CITY e organizzati dall’Università degli Studi di Pavia, in collaborazione con la Società Dante Alighieri, che prevedono letture di passi dell'Adelchi da parte dell'attore Davide Ferrari, e commenti a opera di docenti con diversa specializzazione in un’ottica contemporanea. Castello Visconteo, Sala longobarda di Pavia Capitale di Regno. Ingresso libero.

DOMENICA 24 ORE 15: Visita guidata alla scoperta di Pavia Longobarda passando per Sant'Eusebio, San Felice, San Giovanni Domnarum, San Michele e San Pietro in Ciel d'Oro. Partenza dal Castello Visconteo (lato parco giochi), durata della visita circa 2 ore. I visitatori possono partecipare gratuitamente (presentando il biglietto della mostra LONGOBARDI). Prenotazione obbligatoria allo 0382-399790.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 22 Settembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.