(IN) Netweek

BRONI

«Le donne di Puccini», l’amore si fa musica Viaggio alla scoperta della complessa personalità  dell’artista. Al termine, nel ridotto, cena pucciniana

Share

«Non c’è una sola nota nella mia musica che non sia stata profondamente pensata e voluta e ispirata alle donne che ho perdutamente amato» (Giacomo Puccini)

In queste semplici parole, sta racchiuso lo spirito del concerto dal titolo «Le donne di Puccini» che si svolgerà sabato 22 aprile alle ore 21.15 presso il Teatro Carbonetti di Broni. Lo spettacolo sarà un emozionante omaggio al grande operista italiano Giacomo Puccini, uno dei più grandi di tutti i tempi. Attraverso la sua musica immortale si rivivranno i molteplici aspetti della sua complessa personalità umana e di artista. Sarà fatta grazie alla voce recitante di Gino Bartalena, che interpreterà un Puccini stanco e malato che ricorda i suoi primi successi, le donne che ha profondamente amato e che gli hanno dato sorgente di sempre nuova ispirazione per i suoi capolavori, da Manon a Turandot. Il testo è stato scritto da Maria Paola Bidone. La parte strumentale della serata sarà affidata alla direzione del maestro Andrea Albertini (ormai un affezionato ed assiduo frequentatore “musicale” del Teatro Carbonetti) insieme al virtuoso violino di Livia Hagiu e al caldo violoncello di Livia Rotondi. Questo consolidato trio ci farà ascoltare alcuni brani della produzione strumentale di Puccini tra cui Intermezzo di Manon Lescaut e il poco conosciuto preludio de Le Villi. Altri protagonisti della serata saranno 2 voci soliste di già affermata carriera. La imponente voce del soprano Maria Simona Cianchi, la quale darà modo al pubblico di ascoltare alcuni tra i classici brani del repertorio pucciniano come “In quelle trine morbide” , “Un bel dì vedremo” e “Vissi d’arte”, e il tenore bergamasco Diego Cavazzin, il quale affronterà la parte più eroica del verismo pucciniano e di quel periodo in genere: “E lucevan le stelle “ , “Nessun dorma” , “Donna non vidi mai”. Il concerto si concluderà con il celebre duetto di Tosca “Mario, Mario…”. A completare il quadro empatico, vi sarà la contemporanea proiezione di rarissime immagini della vita del grande operista toscano e di video con il maestro intento nel comporre al pianoforte e mentre si dedica alla sua passione preferita: la caccia.

Da non perdere

Dopo lo spettacolo, cena pucciniana nel ridotto del teatro in compagnia dei musicisti. Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti.

Per info e prenotazioni scrivere a info@associazioneamicidelteatrocarbonetti.com oppure telefonare al numero 366.8190785.

Biglietteria

Il servizio di biglietteria del Teatro Carbonetti effettua i seguenti orari: mercoledì dalle 16 alle 18; venerdì e sabato dalle 10 alle 12 (tel.0385/54691 attivo durante gli orari di apertura).

E’ possibile acquistare i biglietti on line sul sito www.teatrocarbonetti.it

Per i gruppi di almeno 10 persone tariffa ridotta sul biglietto d’ingresso.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 21 Aprile 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.