(IN) Netweek

PAVIA

Pavia, inizio da incubo: ko anche a Carate La classifica piange, zero punti dopo tre giornate: ora tocca all’Olginatese. Nel frattempo arriva Massimo Ganci

Share

Difficile pensare ad un inizio peggiore, ma la realtà dei fatti è proprio questa: il Pavia, dopo tre giornate di campionato, si trova all’ultimo posto del girone A senza punti raccolti. Anche il Derthona è ancora fermo al palo, ma in virtù della peggiore differenza reti (sono due i gol fatti contro i sette subiti per gli azzurri) i ragazzi di Omar Nordi occupano l’ultimissima casella della graduatoria. Un inizio da incubo verrebbe da dire, inaugurato dalla sconfitta all’esordio con il Bra (2-1 in Piemonte), reso complicato dal pesante 3-0 casalingo incassato dal Gozzano e certificato da un altro 2-1 rimediato in Brianza, sul campo della Folgore Caratese, nel turno infrasettimanale andato in scena mercoledì scorso.

E ora il match interno di domenica contro l’Olginatese suona già come un’ultima spiaggia: i bianconeri non se la passano di certo meglio, avendo raccolto sin qui soltanto un punto sul terreno dell’Arconatese (e due sconfitte davanti al proprio pubblico con Caronnese e Borgosesia).

Già dopo la sconfitta domenicale del Fortunati era suonato il campanello d’allarme, con mister Nordi che ci aveva messo la faccia (sul profilo Facebook della società) e che aveva spronato i suoi a fare di più. A Carate qualcosa si è visto, soprattutto sul piano dell’intensità, ma è ancora troppo poco: il Pavia è stato castigato a due minuti dal novantesimo da una simil-rovesciata di Bianco, entrato da poco in campo, pescato in area da Moretti, su cui forse Brino poteva fare meglio. Va detto però che il portiere è stato probabilmente il migliore dei suoi, parando anche un rigore nella prima frazione a Peluso. A spaccare la gara era stato il colpo di testa di Moretti in avvio, pareggiato nella ripresa da Franchini, entrato per l’infortunato Russo.

Le notizie, si sperano buone, arrivano dal mercato: proprio nella giornata di mercoledì, la società ha comunicato infatti l’ingaggio di Massimo Ganci, importante rinforzo per l’attacco pavese. Classe 1981, la punta girovaga è reduce da sei mesi al Pineto, altrettanti a L’Aquila e da un semestre col Castelfidardo, sempre in Serie D. In precedenza una discreta militanza in Serie C, tanti anni in Serie B e dieci presenze in Serie A con la maglia della Reggina, da settembre 2004 a gennaio 2005 (senza però la gioia del gol nella massima serie).

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:cde

Pubblicato il: 15 Settembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.