(IN) Netweek

PAVIA

Ganci di rigore, il Pavia si sblocca Una doppietta del nuovo arrivato fa risorgere i ragazzi di Nordi. E domenica la squadra sarà  di scena a Como

Share

L’uomo della rinascita è Massimo Ganci. Il nuovo acquisto, sbarcato in città proprio a metà della scorsa settimana, si è preso la copertina del match giocato dal Pavia contro l’Olginatese.

Ma andiamo con ordine. Domenica al Fortunati sono arrivati i primi tre punti in campionato per la formazione di Omar Nordi: una liberazione, un risultato atteso fino alla quarta giornata. La sfida con la formazione lecchese è andata in archivio con il punteggio di 2-1 per i padroni di casa, con due reti dell’ex attaccante di Reggina, Piacenza e Bari (fra le altre), entrambe realizzate su calcio di rigore (uno per tempo, inframezzate dalla rete del momentaneo pareggio di Tchetchoua).

Non è tutto oro quello che luccica perché gli ospiti per larghi tratti del match si sono fatti preferire e perché al termine dell’incontro l’estremo difensore Brino è stato unanimemente designato come uno dei migliori in campo. Ma il calcio è questo: nei primi tre incontri disputati il Pavia avrebbe meritato di raccogliere qualcosina di più, invece sono arrivate tre sconfitte. Il tutto si è riequilibrato nell’ultimo match, giocato pure senza gli infortunati Sabato e Russo, oltre che lo squalificato Mapelli.

Che fosse una giornata positiva per i colori azzurri lo si era intuito soprattutto quando il grande ex Christian Mangiarotti , proprio lui, ha stampato sul palo interno un calcio di rigore conquistato da Tremolada. Dagli undici metri invece non ha sbagliato Ganci, regalando il successo ai suoi. Soddisfatto mister Nordi al termine dell’incontro: «A parte gli infortuni credo che i miei si siano sacrificati parecchio, questa vittoria è un premio per le prime quattro partite. Sono sincero, con l’Olginatese poteva finire pari». Ma così non è stato.

La classifica ora parla estremamente chiaro: in un sol colpo il Pavia balza a tre punti e si lascia alle spalle Arconatese (a quota 2), Derthona, Olginatese, Seregno e Castellazzo, quartetto in coda con un solo punto conquistato sin qui.

Il nuovo capitolo da affrontare risponde al nome di Como: Ganci e compagni fra due giorni saranno impegnati nella difficile trasferta del Sinigaglia, in riva al lago. I lariani, dopo le vicissitudini estive, occupano la fascia medio-alta della graduatoria con 7 punti in cascina. Nell’ultimo turno è arrivato il pareggio, di certo non esaltante, maturato sul terreno di gioco del Derthona: 1-1 al triplice fischio, con i padroni di casa a ristabilire l’equilibrio ad una manciata di minuti dal novantesimo.

Su con il morale dunque, per una piazza che stava iniziando a scalpitare dopo le tre sconfitte consecutive. I tre punti arrivati sono una boccata d’ossigeno ma ora serve continuare e dimostrare che la vittoria in questione non è figlia del caso e che questa Serie D si può affrontare guardandola a viso aperto. Da Como arriveranno già le prime risposte.

Leggi tutte le notizie su "Pavia 7"
Edizione digitale

Autore:cde

Pubblicato il: 22 Settembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.